PAOLO CREPET Presenta “BACIAMI SENZA RETE” Ospite di STORIE ITALIANE FESTIVAL SABATO 8 LUGLIO 2017 dalle ore 21,00 Piazza Municipio MOLFETTA

unnamed

PAOLO CREPET Presenta “BACIAMI SENZA RETE” Ospite di STORIE ITALIANE FESTIVAL SABATO 8 LUGLIO 2017 dalle ore 21,00 Piazza Municipio MOLFETTA

STORIE ITALIANE FESTIVAL
4 APPUNTAMENTO “SPEGNETE FACEBOOK E BACIATEVI”
SAVE THE DATE
SABATO 8 LUGLIO 2017 DALLE 0RE 21,00 PIAZZA MUNICIPIO
IN ESCLUSIVA PER MOLFETTA

PAOLO CREPET
uno dei più celebri e amati psichiatri italiani
PRESENTA
“BACIAMI SENZA RETE”
MONDADORI EDIZIONI
BUONE RAGIONI PER SOTTRARSI ALLA SEDUZIONE DIGITALE

Dialoga con Marilena Lucente scrittrice e docente
Interviene Dr Domenico Favuzzi Exprivia

Paolo Crepet “Baciami senza rete”
Smartphone e tablet occupano moltissime ore nella nostra giornata, questo libro ci insegna a far sì che non invadano la nostra vita.

«Questo libro nasce da una scritta vista su un muro di Roma: SPEGNETE FACEBOOK E BACIATEVI. Fantastica sintesi di un pensiero non conformista.

Paolo Crepet incontra i lettori e cittadini e firma copie del suo ultimo libro: “Baciami senza rete”
Vi aspettiamo, sarà un’occasione unica per poter parlare direttamente con il professore.

INGRESSO LIBERO E FIRMA COPIE
La cittadinanza e la stampa è invitata

Paolo Crepet è psichiatra e sociologo. Dal 2004 è direttore scientifico della Scuola per genitori. Tra i suoi numerosi libri ricordiamo: Le dimensioni del vuoto. I giovani e il suicidio (1993), Cuori violenti. Viaggio nella criminalità giovanile (1995), Solitudini. Memorie d’assenza (1997), I giorni dell’ira. Storie di matricidi (con Giancarlo De
Cataldo; 1998), Naufragi. Storie di confine (1999; 2002), Non siamo capaci di ascoltarli (2001), La ragione dei sentimenti (2002; 2004), Voi, noi (2003), Dannati e leggeri (2004; 2006), I figli non crescono più (2005), Sull’amore (2006; 2010), Dove abitano le emozioni (con Mario Botta e Giuseppe Zois; 2007), A una donna tradita (2008), Sfamiglia (2009; 2011), Un’anima divisa (2010), L’autorità perduta (2011; 2013), Elogio dell’amicizia (2012), Impara a essere felice (2013) e Il caso della donna che smise di mangiare (2015).

 

RV25708_Articolo

#STORIEITALIANE2017 #ILPRIMOFESTIVALDILETTERATURAMOLFETTA
#LIBRERIAILGHIGNOMOLFETTA

Convenzionati con la carta del docente per gli insegnanti e per i giovani lettori bonus 18APP! Spendi in libreria il tuo bonus cultura e scegli la libreria storica indipendente della tua città!

#Festival culturale Estivo #Estate in Libreria Il Ghigno un mare di storie Molfetta #ConsiglideiLibrai #BeiLibri #Spedizioni in tutta Italia #Scegli Una Libreria Indipendente! #Libreria Il Ghigno un mare di storie Molfetta #Molfetta#Puglia#Italy

LIBRERIA STORICA E INDIPENDENTE IL GHIGNO UN MARE DI STORIE MOLFETTA

Storie Italiane, il primo festival di letteratura a Molfetta

Il Ghigno Libreria Molfetta

Storie Italiane il primo festival di letteratura a Molfetta 
Quinta Edizione Estate 2017 sempre in direzione ostinata e contraria 
Un intreccio di racconti e di storie per leggere quello che eravamo, che siamo e che saremo 
Libreria storica e indipendente Il Ghigno un mare di storie Molfetta
https://ilghignolibreria.wordpress.com/
 https://storieitalianeilprimofestivaldiletteraturamolfetta.wordpress.com/

 1488035_1560883910891131_658271637581047535_n (2)

Il Ghigno Libreria un mare di storie
Dal 1981
Libreria Storica, d’auToRe, Indipendente & incline alla bibliodiversità
Consigliata da 0 a 99 anni
Libreria aderente a Nati per leggere
Libreria Friendly
Via Salepico 47 Molfetta (Bari)
080-3971365, 348-6053554
ilghignolibreria@gmail.com
Il Ghigno – Un mare di storie Pagina Faceb
https://ilghignolibreria.wordpress.com/

 

Padroni della tecnologia, mai succubi: Paolo Crepet al “Ghigno” di Molfetta con ‘Baciami senza rete’

MOLFETTA – Ogni qualvolta c’è un’innovazione, in qualsiasi ambito, l’obiettivo dell’uomo è quello di superarla; eppure la tecnologia ha qualcosa di diverso da tutte le altre innovazioni che la precedono: è di questo che si discute in Piazza Municipio durante il quarto appuntamento del Festival letterario ‘Storie Italiane’ a cura della libreria ‘Il Ghigno’, il cui ospite speciale è lo psichiatra, sociologo e scrittore italiano Paolo Crepet, il quale si confronta con la giornalista e insegnante casertana Marilena Lucente e con il presidente dell’Exprivia Domenico Favuzzi.

Spunto di riflessione il romanzo ‘Baciami senza rete, buone ragioni per sottrarsi alla seduzione digitale’ di Paolo Crepet, autore di altri testi che spaziano su diversi temi, ma che questa volta vuole toccare il punto debole e allo stesso tempo il punto di forza della società: un tema che viene sovente affrontato in maniera banale o addirittura sottovalutato, ma che sicuramente coinvolge tutti a trecentosessanta gradi.

L’ultimo romanzo di Crepet, come sottolinea il dott. Favuzzi, non invita a mettere da parte l’evoluzione che ha cambiato il modo di vivere di miliardi di persone, ma spinge chi ne è dipendente a riflettere sull’(ab)uso che ne viene fatto. Eppure Crepet, a romanzo compiuto, si rimprovera di esser stato troppo moderato: probabilmente avrebbe dovuto usare toni più chiari, ma anche più critici. Gli stessi toni che hanno attraversato l’incontro, durante cui non solo sono stati considerati gli aspetti sociali ed educativi della tecnologia ma si è parlato anche dei fattori economici. Spesso ci si dimentica di come dietro quegli strumenti che sono diventati ormai protesi non ci sono persone disinteressate, bensì mercanzie che mirano a soddisfare i propri interessi di business. E quale modo migliore di lanciare sul commercio prodotti che rendono dipendenti gli acquirenti e che, nel giro di qualche anno, sono nelle tasche di tutti?

 ‘L’invenzione del citofono non ha creato così tanto scalpore, ma l’invenzione di questi dispositivi elettronici più che un’evoluzione è stata una vera e propria rivoluzione. Una rivoluzione che, facilitando il nostro modo di vivere, ci ha messo in pericolo’ –  sostiene lo psichiatra che, pur esprimendosi in maniera così decisa, non si schiera contro la tecnologia. Egli si schiera contro l’uomo, incapace di controllarsi, di porsi dei limiti, di determinare il discrimen tra l’innovazione e l’esagerazione. L’autore continua a far leva sui danni cerebrali di cui siamo vittime in mano ai dispositivi tecnologici: come un autista che smette di guidare, nel giro di cinque anni, avendo perso l’abitudine, ne perde anche la capacità, così se tutte le competenze cerebrali dell’uomo vengono delegate ad una macchina, ci si disabitua al ragionamento e ci si culla nell’irresponsabilità. 
È un problema, questo, di carattere reale e non morale che concerne l’educazione: dal latino ‘exducere (“tirare fuori”), educare vuol dire scoprire il talento di ogni individuo e aiutarlo a metterlo a disposizione degli altri; ma i tablet e gli smartphone, ricorrenti nelle scuole, servono a questo? Contribuiscono al bagaglio empirico dell’individuo o gli facilitano le cose, omologandolo a tutti gli altri, portandolo sin dalla tenera età a credere che è bello ciò che è comodo, abituandolo al disimpegno e sottraendolo a qualsiasi sforzo?
Una società che pretende il massimo con il minimo sforzo vanifica le lotte fatte nel corso della storia per ottenere la libertà di pensiero, privilegio di cui ci stiamo privando essendo succubi di un’innovazione di cui, invece, dovremmo essere padroni.

© Riproduzione riservata

Sara Fiumefreddo http://www.quindici-molfetta.it/padroni-della-tecnologia-mai-succubi-paolo-crepet-al-ghigno-di-molfetta-con-%E2%80%98baciami-senza-rete-_40006.aspx#.WW2WojTjC1c.facebook 

https://storieitalianeilprimofestivaldiletteraturamolfetta.wordpress.com/2017/07/07/paolo-crepet-presenta-baciami-senza-rete-ospite-di-storie-italiane-festival-sabato-8-luglio-2017-dalle-ore-2100-piazza-municipio-molfetta-2/

https://ilghignolibreria.wordpress.com/2017/07/07/paolo-crepet-presenta-baciami-senza-rete-ospite-di-storie-italiane-festival-sabato-8-luglio-2017-dalle-ore-2100-piazza-municipio-molfetta-4/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...