IN PRIMA SERATA “Quando le parole diventano musica” PAOLA CALVETTI Scrittrice presenta la sua ultima opera letteraria “GLI INNOCENTI” edito da MONDADORI e apre le danze della quinta edizione di STORIE ITALIANE IL PRIMO FESTIVAL DI LETTERATURA A MOLFETTA Venerdì 23 giugno ore 19,30 Galleria Patrioti molfettesi Libreria il Ghigno un mare di storie Molfetta “Jacopo e Dasha sono in scena per il Doppio concerto per violino e violoncello di Brahms che, pagina dopo pagina, è l’occasione per rivivere i passi della loro storia d’amore….” Interazione letteraria di Chiara Dell’Acqua Prof Liceo classico e scientifico Molfetta e blogger letteraria Quando L’amore vola sulla musica di Brahms Variazioni Musicali a cura dell’Ensemble ”Flute Passion” INGRESSO LIBERO Prenota il tuo posto acquistando il libro! Vi aspettiamo numerose/i per un mare di storie e per ascoltare dal vivo una grande narratrice nella “PIAZZA DEI LIBRI & DEI LETTORI”

Rullo di tamburi…
il Festival è in arrivo!
venghino signore e signori

Noi librai vi sveliamo la prima scrittrice del nostro amato festival

PAOLA CALVETTI

STORIE ITALIANE IL PRIMO FESTIVAL DI LETTERATURA A MOLFETTA IDEATO E PROMOSSO DALLA LIBRERIA IL GHIGNO UN MARE DI STORIE MOLFETTA

AL VIA LA QUINTA EDIZIONE
Un intreccio di racconti per leggere quello che eravamo, che siamo e che saremo

INAUGURAZIONE

VENERDI’ 23 GIUGNO 2017 ORE 19,30
GALLERIA PATRIOTI MOLFETTESI
zona antistante libreria Il Ghigno un mare di storie all’altezza via Salepico 47 Corso Umberto 61 Ribattezzata “PIAZZA DEI LIBRI & DEI LETTORI”

In occasione della FESTA EUROPEA DELLA MUSICA
PRIMA SERATA “Quando le parole diventano musica”
fra letteratura e musica

PAOLA CALVETTI
Scrittrice Bestseller Mondadori già Finalista al premio Bancarella e giornalista Teatro alla Scala

Presenta e firma le copie
“GLI INNOCENTI”
Il libro romanzo edito da Mondadori

“Jacopo e Dasha sono in scena per il Doppio concerto per violino e violoncello di Brahms che, pagina dopo pagina, è l’occasione per rivivere i passi della loro storia d’amore….”

“Ma che sia impossibile capire fino in fondo la natura della musica finché non si riesce a comprendere quella vera e tangibile dell’amore?”

Interazione letteraria di Chiara Dell’Acqua Prof Liceo classico e scientifico Molfetta e blog letteraria

 

Quando L’amore vola sulla musica di Brahms
Variazioni Musicali a cura dell’Ensemble ”Flute Passion” Quintetto di flauti diretti dal Prof Luigi Facchini, gruppo composto dai giovanissimi allievi Giancarlo Pellegrino, Ronaldo Bulku, Giusy Riefoli, Silvia Graziano, Giovanni Curci.

Convenzionati con la carta del docente per gli insegnanti e per i giovani lettori bonus 18APP! Spendi in libreria il tuo bonus cultura e scegli la libreria storica indipendente della tua città!

INGRESSO LIBERO
La cittadinanza e la stampa è invitata
Prenota il tuo posto acquistando il libro
E’ un’occasione unica per tutti, vi aspettiamo numerosi a scoprire le storie da narratori d’eccezione!

Paola Calvetti
Leggere un libro, andare a vedere un film significa spesso uscire dalla realtà. Poi si ritorna #paolacalvetti #biography #bookstagram #cinemamonamour

Paola Calvetti
Paola Calvetti, giornalista, ha lavorato alla redazione milanese del quotidiano “la Repubblica” e scritto per il “Corriere della Sera” e il settimanale “Io Donna”. Ha diretto l’ufficio stampa del Teatro alla Scala e, in seguito, è stata direttore della comunicazione del Touring Club Italiano e direttore comunicazione e marketing dell’Opera di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino.
Finalista al premio Bancarella con il romanzo d’esordio, L’amore segreto, nel 2000 ha pubblicato L’Addio, nel 2004 Né con te né senza di te, nel 2006 Perché tu mi hai sorriso, nel 2009 Noi due come un romanzo (Mondadori), seguito nel 2012 da Olivia, ovvero la lista dei sogni possibili, e nel 2013 da Parlo d’amor con me, pubblicati da Mondadori. I suoi romanzi sono tradotti in Francia, Germania, Spagna, Albania, Giappone, Olanda, Stati Uniti.

Storie Italiane
Un intreccio di storie e racconti per leggere quello che siamo stati, siamo e quello che saremo
Il Primo Festival di letteratura a Molfetta
Quinta Edizione Estate 2017
Sempre in direzione ostinata e contraria
“Le nostre vite sono incessantemente intrecciate alle narrazioni, alla storie che raccontiamo o che ci vengono raccontate e tutte vengono rielaborate nella storia della nostra vita, che noi raccontiamo a noi stessi … Viviamo immersi nelle narrazioni”

Storie Italiane, il primo, minuscolo festival autofinanziato, indipendente, partecipato e diffuso di letteratura a Molfetta, bella cittadina sul mare a due passi da Bari.
Il festival alla quinta edizione, creato e promosso da noi librai della libreria il Ghigno, libreria storica e indipendente a Molfetta, che si snoda per l’intera estate, che sin dalla prima edizione ha allargato lo sguardo alla letteratura per bambini e ragazzi, oltrechè essere riferimento per i lettori dal lontano 1981 con spiccata tendenza all’indipendenza e alla bibliodiversità.
Il festival negli anni ha ospitato vari autori fra cui Luciano Canfora, Elena Stancanelli, Gianrico Carofiglio, Concita De Gregorio, Nikola Savic, Antonio Ingroia, Marco Malvaldi, questi sono solo alcuni.
E lo scorso anno il festival è partito all’insegna dell’abbraccio dei popoli con il nuovo direttore artistico, Yvan Sagnet, scrittore e ex sindacalista, l’eroe qualunque, il ragazzo africano che si è ribellato ai “caporali” del Sud.
Festival consigliato da 0 a 99 anni, che ha ospitato mostre importanti di illustrazione e fotografia

DIVENTA SPONSOR DI STORIE ITALIANE IL PRIMO FESTIVAL DI LETTERATURA A MOLFETTA 5 EDIZIONE ESTATE 2017
Voi e il Festival………101 modi per sostenere “Storie Italiane”
“SE SEI UN SOGNATORE FATTI AVANTI…”DIVENTA VOLONTARIO PROTAGONISTA Cercasi volontari ragazzi, giovani e adulti per il festival letterario STORIE ITALIANE LIBRERIA IL GHIGNO MOLFETTA

LIBRERIA STORICA E INDIPENDENTE IL GHIGNO UN MARE DI STORIE MOLFETTA

#Festival culturale Estivo #Estate in Libreria Il Ghigno un mare di storie Molfetta
#ConsiglideiLibrai #BeiLibri
#Spedizioni in tutta Italia
#Scegli Una Libreria Indipendente!
#Libreria Il Ghigno un mare di storie Molfetta
#Molfetta#Puglia#Italy

I librai della libreria il Ghigno e fondatori di Storie Italiane il primo festival di letteratura a Molfetta
Storie Italiane, il primo festival di letteratura a Molfetta https://storieitalianeilprimofestivaldiletteraturamolfetta.wordpress.com/
Storie Italiane, il primo festival di letteratura a Molfetta
https://www.facebook.com/pages/Storie-Italiane-il-primo-festival-di-letteratura-a-Molfetta/603037126388335
Il Ghigno Libreria Molfetta
https://ilghignolibreria.wordpress.com/

Il Ghigno Libreria un mare di storie
Dal 1981
Libreria Storica, d’auToRe, Indipendente & incline alla bibliodiversità
Consigliata da 0 a 99 anni
Libreria aderente a Nati per leggere
Libreria Friendly
Via Salepico 47 Molfetta (Bari)
080-3971365, 348-6053554
ilghignolibreria@yahoo.it
Il Ghigno – Un mare di storie Pagina Faceb
https://ilghignolibreria.wordpress.com/

Al via Storie Italiane il primo festival di letteratura a Molfetta protagonista Paola Calvetti scrittrice

19146292_672820226256525_4536249352009529486_n (2)

Rullo di tamburi…
il Festival è in arrivo!
venghino signore e signori

Noi librai vi sveliamo la prima scrittrice del nostro amato festival

PAOLA CALVETTI

STORIE ITALIANE IL PRIMO FESTIVAL DI LETTERATURA A MOLFETTA IDEATO E PROMOSSO DALLA LIBRERIA IL GHIGNO UN MARE DI STORIE MOLFETTA

AL VIA LA QUINTA EDIZIONE
Un intreccio di racconti per leggere quello che eravamo, che siamo e che saremo

INAUGURAZIONE

VENERDI’ 23 GIUGNO 2017 ORE 19,30
GALLERIA PATRIOTI MOLFETTESI
zona antistante libreria Il Ghigno un mare di storie all’altezza via Salepico 47 Corso Umberto 61 Ribattezzata “PIAZZA DEI LIBRI & DEI LETTORI”

In occasione della FESTA EUROPEA DELLA MUSICA
PRIMA SERATA “Quando le parole diventano musica”
fra letteratura e musica

PAOLA CALVETTI
Scrittrice Bestseller Mondadori già Finalista al premio Bancarella e giornalista Teatro alla Scala

Presenta e firma le copie
“GLI INNOCENTI”
Il libro romanzo edito da Mondadori

“Jacopo e Dasha sono in scena per il Doppio concerto per violino e violoncello di Brahms che, pagina dopo pagina, è l’occasione per rivivere i passi della loro storia d’amore….”

“Ma che sia impossibile capire fino in fondo la natura della musica finché non si riesce a comprendere quella vera e tangibile dell’amore?”

Interazione letteraria di Chiara Dell’Acqua Prof Liceo classico e scientifico Molfetta e blog letteraria

 

Quando L’amore vola sulla musica di Brahms
Variazioni Musicali a cura dell’Ensemble ”Flute Passion” Quintetto di flauti diretti dal Prof Luigi Facchini, gruppo composto dai giovanissimi allievi Giancarlo Pellegrino, Ronaldo Bulku, Giusy Riefoli, Silvia Graziano, Giovanni Curci.

Convenzionati con la carta del docente per gli insegnanti e per i giovani lettori bonus 18APP! Spendi in libreria il tuo bonus cultura e scegli la libreria storica indipendente della tua città!

INGRESSO LIBERO
La cittadinanza e la stampa è invitata
Prenota il tuo posto acquistando il libro
E’ un’occasione unica per tutti, vi aspettiamo numerosi a scoprire le storie da narratori d’eccezione!

Paola Calvetti
Leggere un libro, andare a vedere un film significa spesso uscire dalla realtà. Poi si ritorna #paolacalvetti #biography #bookstagram #cinemamonamour

Paola Calvetti
Paola Calvetti, giornalista, ha lavorato alla redazione milanese del quotidiano “la Repubblica” e scritto per il “Corriere della Sera” e il settimanale “Io Donna”. Ha diretto l’ufficio stampa del Teatro alla Scala e, in seguito, è stata direttore della comunicazione del Touring Club Italiano e direttore comunicazione e marketing dell’Opera di Firenze – Maggio Musicale Fiorentino.
Finalista al premio Bancarella con il romanzo d’esordio, L’amore segreto, nel 2000 ha pubblicato L’Addio, nel 2004 Né con te né senza di te, nel 2006 Perché tu mi hai sorriso, nel 2009 Noi due come un romanzo (Mondadori), seguito nel 2012 da Olivia, ovvero la lista dei sogni possibili, e nel 2013 da Parlo d’amor con me, pubblicati da Mondadori. I suoi romanzi sono tradotti in Francia, Germania, Spagna, Albania, Giappone, Olanda, Stati Uniti.

Storie Italiane
Un intreccio di storie e racconti per leggere quello che siamo stati, siamo e quello che saremo
Il Primo Festival di letteratura a Molfetta
Quinta Edizione Estate 2017
Sempre in direzione ostinata e contraria
“Le nostre vite sono incessantemente intrecciate alle narrazioni, alla storie che raccontiamo o che ci vengono raccontate e tutte vengono rielaborate nella storia della nostra vita, che noi raccontiamo a noi stessi … Viviamo immersi nelle narrazioni”

Storie Italiane, il primo, minuscolo festival autofinanziato, indipendente, partecipato e diffuso di letteratura a Molfetta, bella cittadina sul mare a due passi da Bari.
Il festival alla quinta edizione, creato e promosso da noi librai della libreria il Ghigno, libreria storica e indipendente a Molfetta, che si snoda per l’intera estate, che sin dalla prima edizione ha allargato lo sguardo alla letteratura per bambini e ragazzi, oltrechè essere riferimento per i lettori dal lontano 1981 con spiccata tendenza all’indipendenza e alla bibliodiversità.
Il festival negli anni ha ospitato vari autori fra cui Luciano Canfora, Elena Stancanelli, Gianrico Carofiglio, Concita De Gregorio, Nikola Savic, Antonio Ingroia, Marco Malvaldi, questi sono solo alcuni.
E lo scorso anno il festival è partito all’insegna dell’abbraccio dei popoli con il nuovo direttore artistico, Yvan Sagnet, scrittore e ex sindacalista, l’eroe qualunque, il ragazzo africano che si è ribellato ai “caporali” del Sud.
Festival consigliato da 0 a 99 anni, che ha ospitato mostre importanti di illustrazione e fotografia

DIVENTA SPONSOR DI STORIE ITALIANE IL PRIMO FESTIVAL DI LETTERATURA A MOLFETTA 5 EDIZIONE ESTATE 2017
Voi e il Festival………101 modi per sostenere “Storie Italiane”
“SE SEI UN SOGNATORE FATTI AVANTI…”DIVENTA VOLONTARIO PROTAGONISTA Cercasi volontari ragazzi, giovani e adulti per il festival letterario STORIE ITALIANE LIBRERIA IL GHIGNO MOLFETTA

LIBRERIA STORICA E INDIPENDENTE IL GHIGNO UN MARE DI STORIE MOLFETTA

#Festival culturale Estivo #Estate in Libreria Il Ghigno un mare di storie Molfetta
#ConsiglideiLibrai #BeiLibri
#Spedizioni in tutta Italia
#Scegli Una Libreria Indipendente!
#Libreria Il Ghigno un mare di storie Molfetta
#Molfetta#Puglia#Italy

I librai della libreria il Ghigno e fondatori di Storie Italiane il primo festival di letteratura a Molfetta
Storie Italiane, il primo festival di letteratura a Molfetta https://storieitalianeilprimofestivaldiletteraturamolfetta.wordpress.com/
Storie Italiane, il primo festival di letteratura a Molfetta
https://www.facebook.com/pages/Storie-Italiane-il-primo-festival-di-letteratura-a-Molfetta/603037126388335
Il Ghigno Libreria Molfetta
https://ilghignolibreria.wordpress.com/

Il Ghigno Libreria un mare di storie
Dal 1981
Libreria Storica, d’auToRe, Indipendente & incline alla bibliodiversità
Consigliata da 0 a 99 anni
Libreria aderente a Nati per leggere
Libreria Friendly
Via Salepico 47 Molfetta (Bari)
080-3971365, 348-6053554
ilghignolibreria@yahoo.it
Il Ghigno – Un mare di storie Pagina Faceb
https://ilghignolibreria.wordpress.com/

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

19553973_1775004245858278_6230904925446429829_n

19429745_1775021975856505_8194576643413341324_n

Fotografie della nostra volontaria FESTIVAL STORIE ITALIANE Beatrice Galdino

La scrittrice Paola Calvetti inaugura il Festival ‘Storie Italiane’ della libreria “Il Ghigno” a Molfetta “Gli Innocenti” : un libro pieno di arte, cultura e luoghi splendidi

MOLFETTA – Ospite del primo appuntamento della V edizione del Festival ‘Storie Italiane’ a cura della libreria ‘Il Ghigno’ di Molfetta è la scrittrice e giornalista Paola Calvetti, che ha presentato il romanzo ‘Gli Innocenti’ nella zona antistante la libreria, introdotta dalla prof.ssa Isa de Marco del Ghigno (nella foto de Marco e Calvetti).

Prima della parola all’ autrice, che dialoga con Chiara dell’Acqua, docente presso il Liceo Classico ‘Leonardo da Vinci’ e il Liceo Scientifico ‘Albert Einstein’ di Molfetta, il quintetto di flauti dell’associazione  Flute Passion formato da Giancarlo Pellegrino, Ronaldo Bulku, Giusy Riefoli, Silvia Graziano e Giovanni Curci allieta il pubblico con vari pezzi musicali.

La Calvetti inaugura il festival con la presentazione dei personaggi principali tra cui, nel corso del testo, sboccia una storia d’ amore: Jacopo, un ragazzo orfano appassionato di musica e Dasha, una ragazza anche lei lontana dalla sua famiglia e con la stessa passione di Jacopo. L’ incontro fra i due protagonisti avviene a Parigi prima del Doppio concerto per violino e violoncello di Brahms : in questa occasione il timido Jacopo scrive una lettera, recitata ad alta voce durante la conferenza, che Dasha non leggerà mai; ad alta voce sono letti anche i pensieri della fanciulla alla vista di quel ragazzo introverso seduto in un bar parigino.  L’autrice sottolinea come, mentre nella prima parte del romanzo si alternano le voci dei due ragazzi in un ritmo incalzante ma non troppo vivace, nella seconda parte l’assoluta protagonista è la musica.

‘Un libro pieno di arte, di cultura e di luoghi splendidi come l’Istituto degli Innocenti a Firenze( da cui il nome del romanzo), nel quale il protagonista viene accolto, scoprendo l’amico che gli salverà la vita: il violino’- spiega l’autrice.

Ma la novità del nono romanzo pubblicato dalla Calvetti rispetto alle opere precedenti è certamente la presenza maschile, che ha avvicinato un cospicuo numero di lettori a ‘Gli Innocenti’. Difatti, come dichiara la stessa autrice, a sessanta giorni dalla pubblicazione del romanzo  le recensioni più frequenti sono quelle da parte di giovani e di uomini.

Dopo aver invitato il pubblico a ricercare su Spotify la colonna sonora del romanzo al fine di leggerlo a tempo di musica, i flautisti suonano la Danza Ungherese n^5 di Brahams, che richiama l’ evento menzionato nell’ opera.

A intermezzo musicale concluso, l’ autrice torna a parlare della musica, sottolineandone il potere benefico scientificamente provato: è a questo punto che viene letto uno dei passi più toccanti dell’ intero romanzo, quello in cui Jacopo, recatosi in una casa di riposo fiorentina per far visita a suo padre, ha una conversazione con un neurologo che gli rivela come, facendo riascoltare ai pazienti la colonna sonora della propria vita, essi ne ricordano i momenti più intensi.

Paola Calvetti cita il documentario, che le ha dato l’idea dell’ incontro tra Jacopo e il neurologo, da lei stessa visionato su Netflix, nel quale un giovane ,in maniera del tutto volontaria, suona per delle persone anziane, risvegliando in queste ultime dolci ricordi della giovinezza.

‘Il mio romanzo è un esempio di metateatro’- conclude l’ autrice.  La musica che, oltre  a parlare  di se stessa, è in grado di far parlare gli altri.

© Riproduzione riservata

A cura di

Sara FiumeFreddo Volontaria di Storie Italiane Festival

Redazione Quindici

http://www.quindici-molfetta.it/la-scrittrice-paola-calvetti-inaugura-il-festival-%E2%80%98storie-italiane–della-libreria-il-ghigno-a-molfetta_39875.aspx

19429893_1775155639176472_5365212264931119061_n

19420584_1775163692509000_5232186559209874437_n

Fotografie della nostra volontaria FESTIVAL STORIE ITALIANE Beatrice Galdino

19598435_1788287327863303_7295906949066090737_n

Fotografie del nostro volontario FESTIVAL STORIE ITALIANE Carlo Pisani

 “APERTURA DELLA QUINTA EDIZIONE DEL FESTIVAL DI LETTERATURA A MOLFETTA”

Come gli anni precedenti, anche quest’anno, l’ormai tanto desiderata stagione estiva è arrivata, è con lei l’atteso festival di letteratura che si svolge nella città di Molfetta a cura dei librai della storica libreria “il ghigno” che rappresenta il cuore pulsante della città.
In occasione di tale importante evento, la libreria si è avvalsa dell’aiuto di alcuni studenti delle scuole di secondo grado, affidando a ciascuno differenti compiti. Io, incoraggiata dalla mia professoressa di lingua italiana, ho deciso di far parte del gruppo dei volontari già fondato negli anni precedenti. Immensa è la gioia di mettermi alla prova è iniziare questa nuova esperienza che mi darà la possibilità di conoscere importanti, nuovi ed emergenti scrittori italiani, i quali presenteranno durante il festival i loro libri.
Il festival ha avuto inizio venerdì 23 giugno con la presentazione del libro dal titolo “Gli innocenti” della scrittrice e giornalista Paola Calvetti. Questo primo evento del festival ha suscitato in me molteplici emozioni, prima di tutto curiosità di conoscere la prima scrittrice la quale ha presentato il suo libro in modo chiaro e semplice riuscendo a far emozionare il pubblico, poiché è proprio questo l’intento del festival. Inoltre un altro obiettivo che questo evento si prefigge di raggiungere è quello di invogliare e trasmettere a tutte le persone interessate, ma soprattutto ai ragazzi, la voglia di leggere un ottimo libro, poiché ci sono delle sensazioni delle emozione e dei piccoli brividi che solo chi ama i libri riesce a provare.
Infine leggere permette alla mente di evadere e spaziare dal mondo concreto e reale, viaggiando in mondi paralleli popolati da molti personaggi, i quali con le loro scelte e azioni portano il lettore a legarsi emozionalmente a loro, perché il rapporto che si istaura tra il lettore e il libro che legge è qualcosa di indescrivibile che non si può comprendere se non si prova.

Erica de Gennaro

Volontaria del Festival STORIE ITALIANE Il primo festival di letteratura a Molfetta

19429745_1775021975856505_8194576643413341324_n

Si è svolto venerdì 23 Giugno il primo degli incontri della quinta edizione di Storie italiane Festival: L’appuntamento estivo per lettori e amanti della letteratura di tutte le età organizzato dalla libreria molfettese Il Ghigno. La protagonista è stata la giornalista e scrittrice Paola Calvetti con il suo ultimo romanzo edito da Mondadori “Gli Innocenti”. Firenze e l’Albania; Jacopo e Dasha, i protagonisti del romanzo inscindibili e anzi abbarbicati alle loro radici tanto da subirne il tormento. Le radici che sono per i due, luoghi parlanti di miserie, e per zittire la eco dei loro fantasmi entrambi hanno sovrapposto la musica del violino e del violoncello. È infatti la musica, quella di Brahms che li fa incontrare, unire, sperare. Il romanzo sembra spirare musica e in particolare quella della grande opera lirica e quella classica non solo attraverso la trama che la vede come terza impalpabile protagonista, ma nel linguaggio che la sua autrice mette in bocca ai personaggi. Su tutti il protagonista e voce narrante: Jacopo è un Maestro apprezzato, come lo chiama e lo definisce la direttrice dello Spedale degli Innocenti. Dentro questo luogo che gli ha permesso di continuare a vivere salvandolo da un probabile destino di morte che si riserva agli orfani, lui è però solamente uno dei tanti “gettatelli” che dal quattrocento vengono curati dall’istituto. È indistinto come tutti, anche il suo talento non è segno distintivo ma quasi reazione comune a molti ai quali è servato il dramma di non sapere da chi si è stati messi al mondo. Un soggetto proprio da melodramma, un soggetto “antico” sembra quello della Calvetti. Un soggetto che appartiene indissolubilmente al passato (in letteratura per trovare traccia di trovatelli bisogna risalire alla letteratura dell’Ottocento o ai testi delle canzonette strappalacrime, come il protagonista stesso afferma). L’apprezzato violinista infatti non si persuade e non si piega alle “leggi” che lo vogliono figlio di ignoti. È nevrotico, ossesso; il pensiero della madre solo sognata non gli dà pace. Sembra essere patologico e desideroso quasi di un “regressus ad uterum”. La sua storia si unisce a quella della protagonista femminile, Dasha, albanese, scampata al crollo del regime, da Durazzo è sbarcata nel 1997 sulla costa di Brindisi. Violoncellista, intelligente e piena di coraggio. Ma entrambi sono alla ricerca di un filo immaginario che riesca a riallacciare i cocci delle proprie vite malferme e gravate dall’esperienza – seppur di natura diversa – dell’abbandono. Sono due Innocenti. Come tutti gli innocenti vogliono impietosire: amare la musica per entrambi è stato semplice, naturale; amarsi è compito più arduo. Noi di New Radio Order abbiamo intervistato l’autrice approfondendo il senso e il significato e soprattutto il compito della musica. L’entusiasmo della scrittrice ci accoglie ed è contagioso.

19961466_1796391857052850_5453787388521097436_n

L’INTERVISTA

NRO: Nella sua vita che ruolo ha avuto la musica?

PC: Salvifico. Mi salva quando sono triste. Poi mi ha accompagnato anche nel lavoro, avendo lavorato Alla Scala a contatto con tanti artisti. Amo molto i film ambientati nella musica per esempio. La musica è stata importantissima…un’amica!

NRO: Secondo lei la musica può rivelarsi anche una nemica?

PC: Non lo so…pensando alle Rock Star e alle loro vite maledette (qui cita la Winehouse e Cobain) la musica avrebbe potuto essere la loro salvezza perché possedevano del gran talento, ma probabilmente non è bastata a vincere i loro demoni. Però io non credo che la musica possa essere nemica.

NRO: Quanto la musica può unire due persone?

PC: Nel caso di Dasha e Jacopo, per esempio attraverso la musica si confessano due segreti inconfessabili. È come se la musica avesse più potere delle parole. In realtà nel romanzo, a fine concerto, Jacopo pronuncia la frase “sono le parole quelle che contano”. La musica e le parole penso che si equivalgano. I silenzi uccidono.

Paola Calvetti è d’accordo con noi: la musica è un’allegoria della parola. A tal proposito cita Mahler e Lennon.

NRO: Quanto può narrare la musica della vita di una persona?

PC: La musica è un mezzo potentissimo specchio anche di tutte le generazioni. Ovviamente tutta la musica, senza nessuna distinzione. Il rock per esempio ha raccontato una rivoluzione.

NRO: La musica oggi. Che ruolo ha e come è cambiata?

PC: Se pensi alla musica classica, Mozart lo chiamavano a suonare nelle case, oggi abbiamo Spotify, i telefonini, scarichiamo musica. Ma il concetto rimane lo stesso, non cambia niente.

Qui incalziamo chiedendole della musica commerciale. Lei giustamente ci “bastona” e ci illumina. La musica non ha bisogno di definizioni intellettualistiche…per fortuna.

PC: No, io non ci credo alla musica alta e alla musica bassa. C’è la musica bella e la musica brutta. La musica senza grazia, senza armonia è la musica brutta. La musica è democrazia.

Michela Pellegrini, Alberto Gramegna (New Radio Order)

Volontari di STORIE ITALIANE IL PRIMO FESTIVAL DI LETTERATURA A  MOLFETTA

Fotografie di Cosmine, Nicoletta, Giulia, Beatrice, Carlo e Rosa

19424140_1775145592510810_1225331573974056605_n

19260530_1788288091196560_1711408108142387009_n

19248114_1788287557863280_8377763885959267521_n

19961466_1796391857052850_5453787388521097436_n

19702356_1788287817863254_7575518087761623670_n

19756788_1788287617863274_7750128735150208388_n

 

19657480_1788288354529867_6748041279143377541_n

19642528_1788288194529883_6954431907378324796_n

19748382_1792099120815457_8162235444834459153_n

19894935_1796388847053151_2168641014711110673_n

19748379_1788288334529869_6687164947139677669_n

Fotografie, recensioni, articoli e video a cura della squadra dei volontari della quinta edizione del Festival Storie Italiane un grazie speciale a tutti  

La galleria completa delle foto la trovate su facebook https://www.facebook.com/pg/Storie-Italiane-il-primo-festival-di-letteratura-a-Molfetta-603037126388335/photos/?tab=album&album_id=1756334731058563

Storie Italiane il primo festival di letteratura a Molfetta
Quinta Edizione Estate 2017 sempre in direzione ostinata e contraria
Un intreccio di racconti e di storie per leggere quello che eravamo, che siamo e che saremo
Libreria storica e indipendente Il Ghigno un mare di storie Molfetta
https\://ilghignolibreria.wordpress.com/
https\://storieitalianeilprimofestivaldiletteraturamolfetta.wordpress.com/ — presso Galleria patroti molfettesi Corso Umberto n 61 Molfetta ribattezzata Piazza dei libri e dei lettori Storie Italiane Festival.

 

https://ilghignolibreria.wordpress.com/2017/06/23/jacopo-e-dasha-sono-in-scena-per-il-doppio-concerto-per-violino-e-violoncello-di-brahms-che-pagina-dopo-pagina-e-loccasione-per-rivivere-i-passi-della-loro-storia-damore/?preview=true&preview_id=13388&preview_nonce=255d98f10b

 

 

https://storieitalianeilprimofestivaldiletteraturamolfetta.wordpress.com/2017/06/21/al-via-storie-italiane-il-primo-festival-di-letteratura-a-molfetta-protagonista-paola-calvetti-scrittrice/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...