La libreria “ll Ghigno – un mare di storie” di Molfetta, nell’ambito delle sue attività culturali, organizza per il giorno giovedì 27 aprile 2017 alle ore 18,00 il workshop: “La parola ai ragazzi” con il ricercatore sociale, prof Stefano Laffi autore di pubblicazioni letterarie sulle “culture giovanili” Il workshop è dedicato ai docenti, ai dirigenti scolastici, ai genitori, agli educatori e a tutti coloro che hanno come obiettivo la conoscenza e il rapporto con il mondo giovanile.

Stefano Laffi Locandina

Alla Libreria Il Ghigno un mare di storie di Molfetta Workshop con il prof Stefano Laffi, sociologo, ricercatore esperto in culture giovanili, invita gli adulti ad accettare il cambiamento, a farla finita con l’attacco e l’esclusione di quella fetta della società che sola potrebbe salvare la società. Per info rivolgersi in libreria!

Risultati immagini per la congiura contro i giovani

La libreria “ll Ghigno – un mare di storie” di Molfetta, nell’ambito delle sue attività culturali, organizza per il giorno giovedì 27 aprile 2017 alle ore 18,00

il workshop: “La parola ai ragazzi” con il ricercatore sociale, prof Stefano Laffi autore di pubblicazioni letterarie sulle “culture giovanili”, “processi di emarginazione” e sui “mutamenti sociali” nonché consulente agli operatori sociali.

Oggetto di riflessione dell’incontro sarà il suo ultimo libro:

“Congiura contro i giovani” Crisi degli adulti e riscatto delle nuove generazioni edito dalla Feltrinelli.

Il workshop è dedicato ai docenti, ai dirigenti scolastici, ai genitori, agli educatori e a tutti coloro che hanno come obiettivo la conoscenza e il rapporto con il mondo giovanile.

Si allega pertanto scheda dell’autore e recensione del libro.

Stefano Laffi “La congiura contro i giovani” Crisi degli adulti e riscatto delle nuove generazioni

L’autore Stefano Laffi (Milano, 1965) è ricercatore sociale presso l’agenzia di ricerca sociale Codici (Milano). Ha collaborato con la Rai, Radio Popolare, oggi con le riviste “Lo Straniero” e “Gli asini”. Si occupa di mutamento sociale, culture giovanili, processi di emarginazione, consumi e dipendenze. Ha scritto, fra l’altro, Il furto. Mercificazione dell’età giovanile (2000). Ha curato Le pratiche dell’inchiesta sociale (2009) e con Maurizio Braucci Terre in disordine. Racconti e immagini della Campania di oggi (2009). Con Feltrinelli ha pubblicato La congiura contro i giovani

Stefano Laffi “La congiura contro i giovani” Feltrinelli Editore Serie Bianca

Crisi degli adulti e riscatto delle nuove generazioni

La televisione, i quotidiani, gli esperti, i genitori. Tutti ripetono il ritornello allarmato dei giovani in crisi e delle nuove generazioni senz’anima. Ma questo ritornello è un alibi. E come ogni alibi nasconde tutt’altro. I giovani senza lavoro, i giovani senza ambizioni, i giovani senza valori, i giovani senza futuro. Sono davvero così le nuove generazioni?

RECENSIONI D’AUTORE

Laffi esplora le molte facce dell’alienazione giovanile ma a partire dalle responsabilità adulte, in un saggio che mi sembra importantissimo.

Goffredo Fofi, Avvenire

Laffi affronta le colpe degli adulti e l’alienazione dei giovani con vis polemica e stile di narratore.

Stefania Rossini, l’Espresso

Comunicazioni a cura di: Marina Mastropierro (Facilitatrice) Ricercatrice sociale e il professore Raffaele Tatulli che contribuirà con una sua esperienza scolastica all’approfondimento.

Perciò sarebbe interessante leggere il libro per formulare richieste, consigli, scambiarsi esperienze con gli altri partecipanti e soprattutto interagire con il ricercatore Stefano Laffi.

Si prenota la propria partecipazione al worskshop con l’acquisto del libro almeno 3 giorni prima dell’evento.

Ti aspettiamo!

“Il workshop è un’occasione per parlare di giovani e di capacità di dialogo e di comprensione dei bisogni…una chiave di lettura originale e coinvolgente per dialogare con ” i pionieri del domani”, per dare loro orizzonti, per dare loro futuro”

Il Ghigno di Rotondella V.N. & C- S.a.s. Via Salepico 47 70056 Molfetta

tel 080.3971365 fax 0802140482 email il ghignolibreria@yahoo.ithttps://ilghignolibreria.wordpres

https://www.facebook.com/events/680652148781762/

Prossimamente alla Libreria Il Ghigno un mare di storie di Molfetta Workshop con il prof Stefano Laffi, sociologo, ricercatore esperto in culture giovanili, invita gli adulti ad accettare il cambiamento, a farla finita con l’attacco e l’esclusione di quella fetta della società che sola potrebbe salvare la società.
Evento consigliato a tutti i docenti, è un occasione imperdibile! Vi aprirà un mondo di idee….

Sono aperte le iscrizioni…..posti limitati!

Il wokshop si realizzerà presso la nostra libreria, per informazione e adesioni

Il workshop è valido per il bonus 500 euro insegnanti e previo acquisto preventivo del libro che sarà presentato.

Per informazioni e iscrizioni: Libreria Il Ghigno un mare di storie Molfetta

Evento https://www.facebook.com/events/680652148781762/

#Incontroconl‘autore #WorkshopconilProfStefanoLaffiRicercatore #ConsiglideiLibrai#BeiLibri
#Spedizioni in tutta Italia
#Scegli Una Libreria Indipendente!
#Libreria Il Ghigno un mare di storie Molfetta
#Molfetta#Puglia#Italy

LIBRERIA IL GHIGNO MOLFETTA

#Seguiteci su faceb e venite a trovarci dal vivo vi aspettiamo in libreria!

LIBRERIA STORICA E INDIPENDENTE IL GHIGNO UN MARE DI STORIE MOLFETTA SCEGLI LA LIBRERIA STORICA DELLA TUA CITTA’ E SOSTIENI LE LIBRERIE INDIPENDENTI E I LIBRAI! #Restiamo Umani altro che amazon….

16473329_714187238752326_5964458961084974900_n

1488035_1560883910891131_658271637581047535_n
Il Ghigno Libreria un mare di storie
Dal 1981
Libreria d’auToRe, Indipendente & incline alla bibliodiversità
Consigliata da 0 a 99 anni
Libreria aderente a Nati per leggere
Libreria Friendly
Via Salepico 47 Molfetta (Bari)
080-3971365, 348-6053554
ilghignolibreria@yahoo.it
Il Ghigno – Un mare di storie Pagina Faceb
https://ilghignolibreria.wordpress.com/

sabato 29 aprile 2017

“La congiura contro i giovani” quando verrà sventata? Stefano Laffi presenta il suo libro ed il suo metodo alla libreria “Il Ghigno” di Molfetta

MOLFETTAStefano Laffi: economista, sociologo e coofondatore dell’agenzia di ricerca sociale “Codici” di Milano è stato invitato da Marina Mastropierro (foto): ricercatrice sociale in politiche pubbliche e politiche giovanili, incitata anche dal parere positivo di Raffaele Tatulli, professore del liceo scientifico di Bisceglie a parlare del suo libro alla Libreria “Il Ghigno” di Molfetta.
“La parola ai giovani”, questo è lo slogan dell’approccio innovativo del sociologo Laffi. Egli coordina nella regione della Lombardia “cantieri giovanili”, progetti di arte pubblica e non poteva che non essere invitato a contribuire all’andamento del laboratorio sperimentale di Molfetta, attiva nelle politiche giovanili già dal 1993, puntando sul protagonismo dei giovani con il progetto “Bollenti spiriti” in cui vengono fornite risorse ai giovani, definiti “enzimi di processi di sviluppo” dalla ricercatrice Mastropierro.
Il workshop condotto dalla Mastropierro si è svolto in forma dialogica tra lo scrittore Laffi e lei stessa con il coinvolgimento anche dalla cospicua platea. Perché ha incominciato a scrivere? «Pietro, mio figlio, doveva frequentare il primo anno di scuola materna. Noi ci eravamo mossi in ritardo e l’anno scolastico era già partito, così Pietro fu iscritto dopo. Il primo giorno ci recammo insieme a lui a scuola, dove i bambini stavano cantando allegramente una delle canzoni scritte su un grande quadernone. Pietro, preso dall’allegria, incominciò a cantare la canzone della montagna, inventata da lui stesso in quel momento e fu subito rimproverato dalla maestra perché non era una delle canzoni scritte su quel maledetto quadernone. Poi Margherita, la mia figlia femmina, a ben 8 anni mi chiede: “Papà quanti sono 60 secondi? Perché devo fare l’Invalsi e ci devo mettere 60 secondi ma non so quanti siano!” Come può una bambina di 8 anni sapere quanti sono 60 secondi? Non porta manco un orologio!».
Fin dal principio, i bambini e i ragazzi sono stati presentati al sociologo Laffi come “problemi da risolvere” perché non sono mai guardati per come sono in realtà ma per come devono essere, per i canoni prestabiliti dalla società in cui devono necessariamente rientrare.
“C’è posto per me in questo mondo anche se non sono bella/bello come le modelle, anche se non sono intelligente come gli scienziati, anche se sono così?”, questa è la domanda che li attanaglia quando capiscono di dover trovare un proprio posto nella società, nel mondo.
«Cosa possiamo fare per farli sentire a proprio agio? Dobbiamo ascoltarli e renderli partecipi di ogni cambiamento!», dice Stefano Laffi. «I giovani sono antenne di un mondo immerso, fornitori di idee innovative», aggiunge Marina Mastropierro la quale, insieme al professore Tatulli, ha sperimentato l’idea contenuta nel secondo libro del sociologo “Quello che dicono di me” al liceo scientifico di Bisceglie.
L’Associazione scout Agesci volle far luce sulla motivazione che spingeva 30 ragazzi a partecipare alla route (campo mobile) nazionale e Laffi ha chiesto direttamente a loro. Sono state raccolte molte lettere che sono poi diventate il contenuto del nuovo libro. Su quest’onda anche Mastropierro e Tatulli hanno raccolto 180 lettere degli studenti del liceo scientifico che sono state fonti di aspirazione e ispirazione per il corpo docenti.
Il metodo innovativo di Laffi si basa sull’innovazione e sul rimodernamento dei dispositivi obsoleti come cambiare gli spazi delle biblioteche; il metodo di interrogazione composto da domande illegittime che partono dal presupposto che il discente non sappia rispondere, tagliando così ogni spunto di riflessione o ogni voto positivo; integrarli nell’azione politica dandogli le chiavi fisiche e metaforiche del posto in cui viene svolta e soprattutto un fondo monetario da cui poter attingere per eventuali attività. I giovani devono essere caricati di responsabilità in modo da potersi sentire degni di saper fare qualcosa, di essere diventati finalmente “grandi”. Inoltre gli adulti devono definitivamente abbattere il muro dell’esperienza che hanno innalzato perché anche un bambino, un adolescente può essere maturo e può essere fonte di saggezza quanto o più di un adulto; gli adulti devono analizzare la logica dell’errore perché segnala un problema che deve essere risolto non accantonato o insabbiato.
Inoltre le istituzioni pubbliche come la scuola e l’università, definite realtà 2D che non sono in grado di rispecchiare più il mondo 3D, devono cercare di stare al passo con gli studenti e sentire i loro pareri prima di decretare una qualsiasi cosa deliberatamente. Successivamente, dopo alcuni interventi di un professore delle scuole medie superiori e di Tatulli, l’autore del libro ha spiegato la teoria del tasto “pause”: «In un mondo frenetico, nel tran tran quotidiano che vuole immediatezza e velocità chi usa il tasto “pause”? Chi legge un libro con la matita, che stimola una lettura attiva e non passiva? Chi si sofferma sulla vita prima del tasto “pause”? Una vita senza tecnologia, una vita di libri scritti a macchina da scrivere, una vita autentica? Premete il tasto “pause” pure voi e rifletteteci!”.

© Riproduzione riservata

Marina Francesca Altomare

http://www.quindici-molfetta.it/la-congiura-contro-i-giovani-quando-verra-sventata-stefano-laffi-presenta-il-suo-libro-ed-il-suo-metodo-alla_39439.aspx

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...