Il nuovo concorso scuola 2016

Ufficiale…entro la prima settimana di febbraio concorso scuola 2016

ll nuovo concorso a cattedra Manuali con unità di apprendimento e monografie di approfondimento per tutte le fasi della procedura concorsuale Edises Edizioni 

 Concorso 2016 a cattedra la nostra offerta all in one Simone Edizioni

-molti contenuti agili e mirati

-tutte le materie in un solo libro

-risparmia tempo e denaro

Concorso a cattedra 2016 Inizia a prepararti con i nostri volumi Edizioni Simone

Spedizioni in tutta Italia

Listener

Il Ghigno Libreria un mare di storie
Dal 1981
Libreria d’auToRe, Indipendente & incline alla bibliodiversità
Consigliata da 0 a 99 anni
Via Salepico 47 Molfetta
080-3971365, 348-6053554
ilghignolibreria@gmail.com

Il Ghigno – Un mare di storie Pagina Faceb
https://ilghignolibreria.wordpress.com/

 
prime indiscrezioni…..

Ufficiale…Ufficiale…entro la prima settimana di febbraio concorso scuola 2016

Prime indiscrezioni

 

Il ministro dell’Istruzione Giannini ha confermato la pubblicazione del bando ufficiale per il prossimo concorsone della scuola 2016 per il primo febbraio. Confermato anche il fatto che potranno partecipare al nuovo concorsone solo i docenti abilitati, intanto, è attesa per domani la decisione definitiva sulla riorganizzazione delle undici classi di concorso. Cambia lo svolgimento delle prove del nuovo concorso della scuola e sono diverse le novità previste: innanzitutto è stata cancellata la prova preselettiva, la prova scritta sarà computer-based e la prova orale prevederà la simulazione di una lezione e colloquio con la commissione per l’accertamento delle competenze disciplinari, didattiche e pedagogiche.

 

In particolare, la prova scritta non sarà più strutturata in quizzoni a risposta multipla ma comprenderà a otto domande a risposta aperta, di cui due in lingua straniera, in base alle scelte effettuate dal candidato al momento della presentazione della propria candidatura, e si potrà scegliere tra inglese, francese, tedesco e spagnolo. La prova scritta assegnerà un punteggio pari a 40 punti e avrà una durata di due ore e mezza; la prova orale, invece, durerà 45 minuti, suddivisi in 35 per la lezione simulata e 10 per il colloquio finale riguardante gli argomenti della prova scritta, compresa la lingua straniera compresa.

 

Al termine delle prove sarà stilata una graduatoria con un numero di idonei pari al numero dei posti incrementato del 10%, che saranno assunti nel triennio 2016-2018. Per quanto riguarda la valutazione dei titoli, il Miur porrà particolare attenzione agli aspiranti docenti in possesso del titolo di dottore di ricerca che vale 5 punti aggiuntivi, spazio anche al possesso di lauree ulteriori rispetto a quella per l’accesso all’abilitazione (2 punti); master, diplomi di perfezionamento post lauream o l’abilitazione all’esercizio di una libera professione attinente all’insegnamento scelto dal candidato portano un punteggio aggiuntivo di 0,5 punti ciascuno.

 

Varranno, inoltre, 3 punti le pubblicazioni di particolare rilevanza per la classe afferente al concorso ed altri 2 punti possono essere riconosciuti al candidato che sia stato inserito nella graduatoria di merito di un precedente concorso per la specifica classe di concorso, per ciascun titolo. Ulteriori punti ci saranno anche per la valutazione dei risultati delle abilitazioni all’insegnamento, come il Tfa, in base al punteggio conseguito entro un massimo di 10 punti, mentre il servizio prestato sullo specifico posto o classe di concorso per la quale si procede alla valutazione sarà valutato in 0,5 punti per ogni anno.

 

I vincitori del concorso sceglieranno l’ambito territoriale e non più la scuola di destinazione e toccherà poi al preside scegliere i docenti per la propria scuola. Secondo il calendario stabilito con la pubblicazione del bando al primo febbraio, a fine marzo dovrebbe essere fissata la prova scritta e a giugno quella orale, in modo da permettere l’immissione in cattedra dei primi fortunati entro il primo settembre. Il Concorsone sulla scuola dovrebbe assegnare 63mila posti, fino al 2019. In particolare, il concorso metterà in palio 63.712 posti: 5.766 di sostegno, 5.118 di potenziamento e 52.828 posti comuni.

Seguiteci per gli aggiornamenti

Disponibili i primi volumi per il concorso

Requisiti per la partecipazione ai concorsi ordinari per il personale docente della scuola Agosto 2015 Con la Legge 107/15 (“La buona scuola”) è stato stabilito che per la partecipazioni al Concorso ordinario sia necessario il possesso dell’abilitazione ad eccezione degli educatori e degli insegnati tecnico pratici. Per la scuola primaria e dell’infanzia • Possono partecipare i laureati in Scienze della Formazione Primaria del relativo indirizzo (con il nuovo ordinamento previsto dal DM 249/10 la Laurea in Scienze della Formazione primaria è abilitante sia per la scuola dell’Infanzia che per la Primaria). • Possono partecipare anche i diplomati degli Istituti Magistrali e Scuole Magistrali (anche in corsi sperimentali corrispondenti) entro il 2001/02, in quanto dichiarati abilitati con il DPR 25 marzo 2014) Per il personale educativo • Possono partecipare i laureati in Scienze della formazione primaria, nell’indirizzo scuola primaria (o in quello unico previsto dal DM 249/10) (L.341/90 Art. 3 comma 2). • È sufficiente anche il diploma di Istituto Magistrale (anche in corsi sperimentali corrispondenti) conseguito entro il 2001/02 (DI 10 marzo 1997 Art. 2 comma 1), Per la scuola secondaria (esclusi gli ITP per i quali è sufficiente il solo titolo di studio) • Possono partecipare ai concorsi coloro che siano in possesso dell’abilitazione (al momento non risulta siano previste deroghe)

Ulteriori informazioni

Per la prova scritta. Saranno 8 le domande computer based a risposta aperta, di cui 2 in lingua a scelta del candidato (inglese, francese, tedesco, spagnolo), comunque di livello B2 (si intende non la certificazione, ma il livello della conoscenza).

La prova durerà 150 minuti e assegnerà 40 punti si 100 previsti per tutte le prove del concorso.

In caso di prova laboratoriale, lo scritto darà un massimo di 30 punti, dato che i 10 restanti saranno il frutto di una prova specifica. Il Ministro Giannini, in una intervista su Repubblica, ha anticipato come si svolgeranno le prove laboratoriali.

Così, un insegnante di musica dovrà suonare il piano e “mostrare come inende trasferire il talento agli allievi”, un docente di storia dell’arte o di discipline scultoree “dovrà sviluppare un progetto. Il tempo a disposizione sarà di 10 ore, 8 per un di design.”

Per quanto riguarda l’orale, la prova durerà, come anticipato ieri, 45 minuti (35 minuti di prova simulata, 10 dedicati ad un colloquio sugli argomenti del concorso con prova in lingua straniera scelta dal candidato.)

Per infanzia e primaria la prova di lingua sarà in inglese, il livello richiesto è il B2 (si intende non la certificazione, ma il livello della conoscenza).

Per quanto riguarda il sostegno, i contenuti delle prove riguarderanno argomenti legati alla specializzazione.

Eliminata, secondo quanto riferito ieri dall’ANSA, la prova di preselezione per tutti gli ordini di scuola.

Pronto anche uno specifico decreto per i titoli, si pensa all’assegnazione di punteggio aggiuntivo per chi ha 36 mesi di servizio. Il tetto massimo del punteggio raggiungibile con i titoli sarà di 20 punti.

https://ilghignostore.wordpress.com/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...