Storie Italiane presenta “Matteo Strukul è una delle voci più importanti del nuovo thriller italiano”.

Il secondo appuntamento di Storie Italiane   

Storie Italiane, il primo festival di letteratura a Molfetta

“STORIE ITALIANE” Un intreccio di racconti per leggere quello che siamo stati, siamo e quello che saremo….

Il Primo Festival Indipendente di letteratura a Molfetta partecipato e diffuso

2 Edizione in divenire ,rassegna frizzante estiva ……

https://www.facebook.com/pages/Storie-Italiane-il-primo-festival-di-letteratura-a-Molfetta/603037126388335

 

Lunedi’ 23 giugno 2014 ore 19,30 Galleria patrioti Molfettesi (antistante libreria Il Ghigno)

Matteo Strukul  presenta “La giostra dei fiori spezzati ,il caso dell’angelo sterminatore” edizioni Mondadori collana Omnibus

 

Un assassino terribile e spietato

Una città innevata e spettrale

 Una coppia di detective insofferenti alle regole

La prima avventura di Alexander Weisz criminologo e genio  

Guarda il video  https://www.youtube.com/watch?v=8hLkHU_ePFE 

 

 

 

 

 

 

Matteo Strukul (Padova, 8 settembre 1973) è uno scrittore e sceneggiatore di fumetti italiano.

Laureato in giurisprudenza e dottore di ricerca in diritto europeo dei contratti.

Scoperto da Massimo Carlotto, ha esordito nel 2011 con La ballata di Mila (e/o), un romanzo pulp noir ambientato in Veneto con protagonista la bounty hunter Mila Zago, cui ha fatto seguito il secondo episodio della saga Regina nera (e/o, 2013) e da cui è stata tratta la serie a fumetti “Mila Zago – Red Dread” (con testi di Strukul e disegni di Alessandro Vitti). Entrambi i romanzi di Mila sono in corso di pubblicazione in 15 Paesi nel mondo fra cui Stati Uniti, Inghilterra, Canada, Australia e India.

Matteo collabora con periodici e quotidiani, fra cui “Tuttolibri”, lo storico inserto letterario del quotidiano “La Stampa” e dirige Revolver, nuovo marchio editoriale di Edizioni BD dedicato al noir.

Vive insieme a sua moglie Silvia fra Padova e Berlino. Il suo sito internet è: http://www.matteostrukul.com.

Matteo Strukul  è ideatore e fondatore di Sugarpulp, movimento letterario veneto che ha avuto la benedizione di Joe R. Lansdale e Victor Gischler e che ha rivoluzionato il concetto stesso di genere pulp. Inoltre, Matteo è direttore artistico della Sugarpulp Convention, manifestazione letteraria dedicata alla cultura popolare di genere a carattere internazionale, che si tiene ogni anno a Padova a fine settembre.

 Joe R. Lansdale, uno fra i più popolari autori di crime fiction al mondo ha detto: 

“Matteo Strukul è una delle voci più importanti del nuovo thriller italiano”.

La giostra dei fiori spezzati di Matteo Strukul  è un thriller gotico,storico ambientato in una nevosa Padova dark di fine ottocento.

 

 

 

  • Padova, inverno 1888. Nelle campagne infuria la pellagra, mentre in città le luci dei quartieri più signorili e ricchi stridono per contrasto con la bolgia del Portello, la zona più popolare e malfamata della città. Ed è proprio qui, al Portello, che al termine di una notte nevosa, viene ritrovato il cadavere straziato di una prostituta.
    L’ispettore Roberto Pastrello capisce che le sue forze non basteranno a risolvere il caso e decide di chiedere la collaborazione di due detective d’eccezione. Il giornalista investigativo Giorgio Fanton, massimo esperto del Portello, e il famoso criminologo Alexander Weisz, intuitivo, tormentato, affascinante.
    Da quando, bambino, ha trovato sua madre uccisa da un assassino misterioso, Weisz ha giurato che non avrebbe mai più permesso che a una donna venisse fatto del male. Ma il trauma dell’infanzia gli ha lasciato anche una pericolosa dipendenza dal laudano. Dopo qualche riluttanza l’irruente Fanton, allegro e conviviale, molto abile nelle risse, e Weisz, geniale e anticonformista, trovano accordo e affiatamento, aiutati non solo dall¿ispettore Pastrello, ma anche da Erendira, meravigliosa gitana, cartomante e prostituta, avvolta nel mistero dei suoi occhi blu in cui è impossibile non perdersi. L’assassino, però, continua a colpire finché Weisz coglie un primo collegamento negli omicidi: tutte le vittime hanno il nome di un fiore…
    Dopo il successo dei due romanzi della saga di Mila, Matteo Strukul torna a stupirci con un thriller storico eccezionale. Il ritmo travolgente di una narrazione modernissima è immerso nelle atmosfere inquietanti e gotiche della Padova di fine ‘800, che portano alla mente quelle, celebri e dark, della Londra vittoriana. Il lettore assiste alla grande lotta tra il male, che si incarna in un terribile serial killer, l’Angelo Sterminatore, e il bene, rappresentato da una coppia di detective insofferenti alle regole che ricordano Holmes e Watson nella recente trasposizione cinematografica di Guy Ritchie. Un romanzo senza eguali in Italia, che può essere avvicinato alle opere dei grandi autori “irregolari” angloamericani, da Joe R. Lansdale ad Alan Moore.

 

Il Ghigno Libreria Molfetta 

Dal 1981 
Libreria d’autore
Consigliata da 0 a 99 anni
Via Salepico 47 Molfetta 
080-3971365, 348-6053554 
ilghignolalibreria@libero.it

Il Ghigno – Un mare di storie

https://ilghignolibreria.wordpress.com/

http://ilghignostore.wordpress.com/

 

 Noi siamo qui:

https://maps.google.it/maps?q=libreria+il+ghigno+via+salepico+47&ie=UTF-8&ei=0geOUbPjEIXjtQbmzoGgDA&ved=0CAsQ_AUoAg   

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...