Franco Di Mare, sabato 2 marzo ore 17,30, presenta “Il paradiso dei diavoli”


ilghigno
ilghignolibreria.wordpress.com
      consigliata da 0 a 99 anni
                        Dal 1981
              Libreria d’auToRe

Sabato 2 marzo a Molfetta presentazione del nuovo libro del giornalista Franco Di Mare. In un racconto incalzante un doloroso inno d’amore per Napoli, tra i volti del “Male” che abita il golfo più bello del mondo

Franco Di Mare, ”Nel mio libro racconto Napoli, città dannata ma anche profondamente amata”

wbresize

“Il paradiso dei diavoli”
Nella prestigiosa cornice della Fabrica di San Domenico sala Finocchiaro,  sabato 2 marzo alle ore 17.30 Franco Di Mare presenterà il nuovo romanzo “Il paradiso dei diavoli” edito da Rizzoli.
Sarà un vero e proprio racconto in forma teatrale.
Giornalista professionista dal 1983, Di Mare è in Rai dal 1991. Al suo arrivo nella tv di Stato si occupa di cronaca per il TG2 e della Guerra dei Balcani, oltre a coprire – come inviato – le principali zone dell’Africa e dell’America centrale.
Nel 2002 passa al TG1, seguendo buona parte dei conflitti degli ultimi venti anni.
Nel corso della sua carriera giornalistica si è occupato di politica internazionale ed è stato autore di servizi e documentari su mafia e criminalità organizzata.
Ha intervistato personalità del mondo della politica e della cultura come Tony Blair, Shimon Peres, Chirac, Yasser Arafat, Condoleezza Rice, TzavoMbeki, NaguibMahfouz, Amos Oz, Jorge Amado, Elie WieselTzavoMbeki, Nahgib Mahfuz.
Attualmente conduce la trasmissione Uno Mattina su Raiuno. Alla sua attività di giornalista e di conduttore affianca un forte impegno sociale e civile. Nel 2009 pubblica con la casa editrice Rizzoli “Il cecchino e la bambina”, un racconto di storie di violenza, d’amore, di paura e di speranza in tempo di guerra e nel 2011, sempre con Rizzoli, il suo primo romanzo, “Non chiedere perché”, candidato come finalista al “Premio Bancarella” e vincitore del “Premio Roma” e del Premio Letterario “Città di Siderno (RC) Armando La Torre”, nel 2012 “Casimiro Rolèx” per Cairo Editore, finalista Premio Penne.
Nel novembre 2012 esce, dunque, il suo nuovo romanzo ancora edito da Rizzoli dal titolo “Il paradiso dei diavoli”. E questa volta Franco di Mare decide di raccontare la sua Napoli.
Il nuovo romanzo di Franco Di Mare è un doloroso inno d’amore a Napoli e insieme il racconto mozzafiato delle sue eterne contraddizioni.
L’autore rivelazione di “Non chiedere perché”, dipinge ora un ritratto vivido e agghiacciante della città,”ora un ritratto vivido e agghiacciante della città, un presepe dove hanno posto tutti, il borghese, ’o guaglione, il commerciante, il cronista di nera, la casalinga, l’intellettuale, e tutti sono in qualche misura contagiati dal Male che abita il golfo più bello del mondo.
Svolti in un vicolo e vieni inghiottito nel ventre, penombra senza legge ma con le sue leggi, motorini che ti sfrecciano accanto e subito scompaiono. Le due città convivono in questa storia drammatica e incalzante.
 
Prenotate la vostra copia autografata e il vostro posto.
 
Ingresso libero
Ringraziamo come sempre per la vostra gentile collaborazione nella diffusione delle nostre iniziative, vi abbracciamo tutti augurandovi e augurandoci di ritrovare
in questo importantissimo fine settimana la strada di una rinascita del nostro “bel paese”
Isa, Donatella  e Nicola
Franco-Di-Mare-Il-paradiso-dei-diavoli (1)
Dicono di noi

Franco Di Mare presenta: “Il Paradiso dei diavoli”

 

Notizie Puglia
DA PAOLA COPERTINO
SABATO 09 MARZO 2013 19:27
Questo contenuto è stato visto: 152 volte

La Sala Finocchiaro presso la Fabbrica di San Domenico ha ospitato nei giorni scorsi uno dei giornalisti, scrittori e conduttori televisivi più apprezzati del momento, uomo di grande spessore umano. Il napoletano Franco Di Mare, giunto a Molfetta per presentare il suo ultimo romanzo “ Il Paradiso dei Diavoli” edito da Rizzoli.


Franco Di Mare presenta: “Il Paradiso dei diavoli”L’ iniziativa è stata promossa dalla libreria molfettese “ Il Ghigno” da sempre fautrice di importanti iniziative culturali e di presentazioni di libri di pregio con protagonisti del mondo della cultura. Il nuovo romanzo di Franco Di Mare è un doloroso inno d’amore a Napoli e insieme il racconto mozzafiato delle sue eterne contraddizioni. L’autore rivelazione di “Non chiedere perché” dipinge ora un ritratto vivido e agghiacciante della città, un presepe dove hanno posto tutti, il borghese, ’o guaglione, il commerciante, il cronista di nera, la casalinga, l’intellettuale, e tutti sono in qualche misura contagiati dal Male che abita il golfo più bello del mondo. Fra le vicende narrate: Anni ’70.

Un sedicenne smaschera un professore del suo liceo che non fa il proprio dovere. Anni ’80. Due ragazzini prendono parte a un regolamento di conti che finisce nel sangue. Uno va dritto in riformatorio, l’altro sui banchi di scuola. Una dodicenne inguainata in un fuseaux nero partecipa al concorso Napoli, voci nuove. Ma arriva quarta. Oggi. Un killer spietato si diverte a sparare in faccia ai tossici. Ma si fa qualche pista pure lui. Un cronista di nera ha perso troppi treni nella vita. Però rischia di vincere il Pulitzer. Un professore universitario viene pestato selvaggiamente.

E non denuncia il suo aggressore. Una donna sensuale e semianalfabeta vuole leggere “Il Piccolo Principe”. Un costruttore edile, un piccolo boss, un imprenditore tessile vengono ammazzati. Con la tecnica della botta ‘nfaccia. Sempre. Una città ha due volti, l’uno chiaro l’altro oscuro. È bellissima e dolente. È il paradiso dei diavoli, secondo la definizione di un suo illustre figlio adottivo. Il giornalista è stato accolto da un numerosissimo pubblico entusiasta di ascoltare dal vivo un autorevole esponente del giornalismo e della conduzione televisiva che, diciamolo, da’ tanta popolarità. Franco Di Mare è nato a Napoli nel 1955.

Giornalista, dopo vent’anni come inviato di guerra, è passato alla conduzione televisiva (Speciale Tg1, Uno Mattina, Uno Mattina Estate e Sabato domenica e… la tv che fa bene alla salute). Ha ricevuto numerosi premi, fra cui due Oscar della televisione per i suoi reportage dal fronte. Raccogliendo alcuni ricordi dalle zone calde del pianeta, ha costruito uno spettacolo teatrale che è poi diventato un libro molto apprezzato: Il cecchino e la bambina (Rizzoli, 2009).” Non chiedere perché “è il suo primo romanzo. Il giornalista ha scelto una forma veramente inedita per presentare il suo libro: si è avvalso di uno splendido documentario che raccontava le contraddizioni della sua amata- odiata Napoli, mentre scorrevano le immagini lui rendeva omaggio a questa città che unisce in sé il bene e il male, tutto e il contrario di tutto, la bellezza e la bruttezza del paesaggio deturpato, la ricchezza e la povertà. Franco Di Mare presenta: “Il Paradiso dei diavoli”

Nei suoi vicoli si coglie il senso delle cose, la periferia al contrario di tutte le altre parti , si trova nel centro storico. I poveri e i ricchi vivono negli stessi palazzi, quindi a Napoli il poveraccio ha qualcosa del nobiluomo e viceversa. La città che le assomiglia di più come concezione, commistione e contraddizione è Rio de Janeiro in quanto alle spalle dei grandi alberghi ci sono le baraccopoli ed è molto labile il confine fra bene e male. Negli anni ’80 nasceva a Napoli il primo bambino in provetta, mentre ne morivano tantissimi per denutrizione e condizioni disagiate. Napoli, ha affermato il giornalista, non è una città né per bambini né per anziani: mancano i servizi sociali e una rete di strutture. Ha poi raccontato un episodio di criminalità legato al giornalista Sandro Ruotolo, ribadendo che la legalità non va festeggiata, dovrebbe essere la norma e si dovrebbe iniziare da piccoli gesti, non violando le regole di comportamento civile; infatti è proprio la microcriminalità che crea allarme sociale.

Il libro è il segno tangibile dell’ amore per Napoli e c’è un finale positivo in cui si suggerisce come uscirne. Il giornalista ha poi elencato i suoi amici: un avvocato, un medico e un altro suo compagno finito in galera per omicidio. Trovata poi veramente geniale ed innovativa quella di far raccontare la trama del libro proprio dagli attori della nota fiction Rai ambientata a Napoli “ Un posto al sole” che tratteggiano i personaggi facendoli vivere al di fuori delle pagine. Lo spettatore quindi si è trovato immerso nel racconto, a ripercorrere le vicende dei protagonisti venendone coinvolto, quasi sentendosi lui stesso protagonista. Emerge che i destini non sono scritti , ma siamo noi i fautori del nostro futuro. I personaggi ti vengono incontro con i loro caratteri, premi e difetti. Ha scelto questo modo di presentare il libro perché spesso chi lo fa non legge il volume, non conosce l’ autore quindi risultano parlo un po’ vuote o di circostanza.

Ha poi parlato di cambiamenti, quelli veri, strutturali, che hanno bisogno di tempi lunghi perché presuppongono un cambio di mentalità, ma ognuno deve contribuire a questo processo. Molto emozionante è stato il racconto del giornalista sul suo allontanamento da Napoli: fu minacciato di morte dal boss Cutolo dopo aver scritto che stava collaborando con la magistratura. Scherzando, ma non troppo, quindi ha affermato che deve la sua carriera e il suo successo al temuto boss. Il pubblico è rimasto coinvolto da questa presentazione e dalla figura del giornalista che, in conclusione ha detto che “ Il paradiso dei diavoli” è stato scritto per far pace con se stesso e con la sua amata – odiata Napoli. Indubbiamente questo è stato un appuntamento culturale di grande spessore.

 

sabato 9 marzo

sabato 9 marzo  ore 20,30

La cerniera live in acustico

Anna Baccelliere, Liliana Carone
In punta di stella
Racconti, pensieri e rime per narrare la Shoah
Mostra, presentazione del libro da sabato 9 marzo al domenica 17 marzo con laboratorio finale (con prenotazione)
                                                 http://ilghignostore.wordpress.com/
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...