domani Per dire BASTA noi… LEGGIAMO & BALLIAMO cosi’ come in tutto il mondo

Immagine

14 febbraio 2013 – ONE BILLION RISING

 

Immagine

 
Per dire BASTA noi… LEGGIAMO & BALLIAMO cosi’ come in tutto il mondo

Eve Ensler, autrice de testo I monologhi della vagina, attivista e fondatrice del V-Day, ha ideato la campagna globale ONE BILLION RISING, partendo da una sconvolgente statistica: una donna su tre verrà picchiata o violentata nel corso della sua vita. Con una popolazione mondiale di circa 7 miliardi di persone, questo vuol dire più di un miliardo di donne e ragazze.

Il 14 febbraio  la campagna italiana:
“Svegliati! Balla! Partecipa!
UNAZIONE GLOBALE PER FERMARE LA VIOLENZA CONTRO LE BAMBINE, LE RAGAZZE, LE DONNE DEL MONDO”

La campagna, a cui hanno aderito attivisti e organizzazioni di 177 paesi,culminerà il 14 febbraio 2013, quando un miliardo di persone in tutto il mondo danzeranno insieme in segno di protesta. La Ensler parteciperà quel giorno a questo grande ballo collettivo dal Congo, dove sarà protagonista di un grande evento che chiuderà il suo tour internazionale a sostegno della campagna.
In Italia la campagna ONE BILLION RISING è affidata al comitato V-Day Modena, con il sostegno dell’Accademia Nazionale di Danza e del movimento Se Non Ora Quando?

Un miliardo di donne violate è unatrocità” sostiene Ensler, un miliardo di donne che ballano è una rivoluzione. L’obiettivo è infatti quello di creare attraverso il ballo una forma di protesta celebrativa e non violenta, con la volontà di trasformare il 14 febbraio 2013 in una giornata di riscatto universale contro le ingiustizie che le donne subiscono.
ONE BILLION RISING non appartiene ad alcuna organizzazione politica o partitica. È un evento autogestito a cui finora hanno aderito attivisti, artisti, ministri, leader di movimenti sociali, membri del parlamento e migliaia di associazioni e organizzazioni di tutto il mondo, da Amnesty International a Equality Now, con il supporto di testimonial come Naomi Klein, Jane Fonda, Robert Redford, Laura Pausini, Anne Hathaway.

Se ancora non ve l’hanno detto tutte le immagini / video / testimonianze / condivisioni di quello che succederà il 14 febbraio contribuiranno alla creazione di film e libri creati dal V-day internazionale sull’evento.

Se ancora non avete studiato la coreografia fatelo, ma se non lo fate chiamate le vostre amiche e i vostri amici, figli, parenti, fidanzati, mariti, vicini di casa e venite lo stesso a ballare.

Se ancora non siete convinti, credeteci: cambieremo il mondo.
Non vorrete essere tra quelli che sono solo stati a guardare?!

IL VIDEO LANCIO DELL’INIZIATIVA
COME SARA’ IL FLASHMOB: 
clicca sul link per vedere il  VIDEO >>

PORTATE UN LIBRO DEDICATO ALLE DONNE, E LEGGEREMO INSIEME,POESIE,FRASI SIGNIFICATIVE DA GIORNALI,PENSIERI E TESTIMONIANZE MUSICALI,ARTISTICHE ………
L’INVITO PER IL 14 è QUELLO A LEGGERE IL NUOVO MONOLOGO DI EVE ENSLER  “RISING” .
 
ONE BILLION RISING ANCHE A MOLFETTA (BA) presso  ORE 19,00
 
APPUNTAMENTO PRESSO LA  LIBRERIA
Immagine

Il Ghigno Libreria un Mare di storie
consigliata da0 a 99 anni
Dal 1981 

Libreria d’auToRe

via Salepico 47 Molfetta

https://ilghignolibreria.wordpress.com/

il nostro evento su faceb!

http://www.facebook.com/events/576367935724504/

l’articolo tratto dal Fatto di Giovanna Nappi

CULTURA

MOLFETTA. La voce delle donne: “One billion rising” arriva al Ghigno

  • Stampa
  • Email
Dettagli

 Pubblicato Venerdì, 15 Febbraio 2013 13:06Scritto da Giovanna Nappi

ONEBILLIONRISING LOGO

Molfetta – Il 14 febbraio, data conosciuta ai più come festa degli innamorati, è diventata da quest’anno l’occasione di dar voce all’iniziativa One billion rising (Un miliardo insorge), flash mob planetario contro la violenza sulle donne indetto dalla fondatrice del V- Day Eve Ensler. Da tutto il mondo sono arrivate le adesioni, e anche da Molfetta, che nel suo piccolo – nonostante la pioggia – ha voluto essere parte di un dialogo su cui non è stato detto ancora abbastanza.

Alle 19,00 la libreria Il Ghigno ha ospitato un gruppo di persone disposte a raccontare la propria esperienza personale, o quella di qualcuno a loro vicino, e a leggere la testimonianza di donne che hanno subito una qualche forma di violenza nel corso della propria vita. L’atteggiamento appassionato e convinto dei partecipanti è stato accomunato da una considerazione di fondo: soltanto nel momento in cui la donna sarà privata di etichette e categorie, soltanto quando si accompagnerà il percorso di crescita e formazione culturale di ciascun individuo all’idea di rispetto e pari dignità tra i sessi, soltanto quando negli sguardi degli altri si leggerà solidarietà e non invidia, soltanto allora, dunque, sarà forse possibile sconfiggere il silenzio e la vergogna che camminano accanto alle donne che sono state vittime di violenza. I fatti di cronaca (l’ultimo è quello di Pistorius, l’atleta che ha sparato la fidanzata scambiandola per un ladro) continuano e sono cifre allarmanti. E’ fondamentale intraprendere una rivoluzione culturale, a partire dalle istituzioni (come la scuola) e soprattutto a partire dalla famiglia, perché i picchiatori di domani sono i bambini di oggi. E affinché non vadano sprecate le parole di tante donne che ogni giorno denunciano e combattono queste tristi realtà, donne come Joumana Haddad, come Lorella Zanardo, come Loredana Rotondo, come Tilde Capomazza, come tante altre, è necessario che nessuno giustifichi mai la violenza, perché quello che capitò a Franca Viola non sia un caso unico e perché non si smetta mai di avere memoria.

 

ecco le foto dell’evento

 

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.10200122493099241.171458.1657923805&type=3

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...