NOTTE BLUE ( S ) un microfono aperto alla poesia

NOTTE BLUE ( S )   un microfono aperto alla poesia
PIAZZA delle Erbe , un angolo incantato e dimenticato di una Molfetta assalita dalle macchine , dai grandi eventi ‘d’elite’ o dal nulla quotidiano s’aprira’ per una notte ad un evento unico : un microfono aperto al centro della piazza settecetesca a decine di poeti che leggeranno sotto il cielo blue i loro versi ….un reading nello stile dei grandi raduni poetici cari ad Allen Ginsberg e Lawrence Ferlinghetti per ‘ cantare’ il mestiere piu’ prezioso e piu’ oscuro del mondo….la poesia interagira’ con il suono e con una delle espressioni piu’ poetiche musicali …il BLUES …la musica dell’anima… con le esibizioni di artisti che hanno usato il linguaggio del blues e del rock per unirlo ai versi di grandi voci poetiche…..i giovanissimi GINKGO DAWN SHOCK …pura energia rock e i temi poetici che li ispirano … MARIA FILOGRASSO , attrice e artista globale ci portera’ nella incantata poesia di DYLAN THOMAS , indiscusso padre della ispiratore della Beat Generation unendosi ai suoni degli E7 BLUESEDELIC , combo legato al blues e alle controculture poetiche e musicali .
S’alterneranno nella piazza le voci dei poeti GIULIA BASILE,  , GIULIO BUFO , GIOVANNI DI CANDIA, MAURIZIO EVANGELISTA, AUGUSTO FICELE, ZACCARIA GALLO, MANCINI ANNA, TEODORA MASTROTOTARO, CICCIO REGINA e numerosi altri poeti la cui lista completa sara’ pubblicata a breve oltre a TE che stai leggendo ora e alle poesie che hai scritto e vorrai leggere SABATO 21 dalle 21 …PORTA I TUOI VERSI ALLA LIBRERIA IL GHIGNO a MOLFETTA , prezioso angolo della cultura molfettese e PARTECIPERAI A NOTTE BLU E( S ) ! RIPRENDIAMOCI LE PIAZZE CON POESIA !
NOTTE BLUE ( S )   un microfono aperto alla poesia
La poesia è leggera, occupa poco spazio, si può piegare, infilare in tasca e recitare sulla strada camminando. La lingua della poesia è universale. La poesia unisce i viaggiatori, alleggerisce il cammino e riscalda il vento freddo dell’alba. Tom Waits, Bob Dylan, Constantino Kavafis, Wislawa Szimborska, Raymond Carver, Pier Paolo Pasolini, Rainer Maria Rilke, Nazim Hikmet, Ezra Pound, Pablo Neruda, Tiziano Terzani… lo stupore, la tenerezza, il dolore e la gioia di stare nel mondo. “G. Cederna”

In piazza delle Erbe parlano musica e poesia

I poeti molfettesi si sono dati appuntamento sabato per “Notte blue(s)”. Sulle note di Ginkgo down shock ed E7 Bluesedelic

Poesia a piazza delle ErbeFoto: Palma Salvemini

La libreria Il Ghigno, in collaborazione con Francesco Regina, ha invitato la cittadinanza sabato 21 luglio in piazza delle Erbe per “Notte blue(s). Un microfono aperto alla poesia”, reading di poesia e musica.

Nello spazio accogliente della piazzetta settecentesca, illuminata dalle luci delle candele e di una lampada colorata, numerosi sono stati i poeti che hanno calcato il tappeto blu avvicinandosi al microfono per la declamazione dei propri versi. A fare da compagna ancillare alla protagonista, la poesia, è stata la musica rock dei Ginkgo down shock e il blues di E7 Bluesedelic.

In un’atmosfera familiare, attraverso l’espressività dei poeti, è stata data voce alla passione per la terra d’origine, mediterranea, con gli ulivi testimoni silenziosi del secolare fluire della storia. Ma è stata anche l’occasione per rimembrare il millenario binomio uomo-donna, con riflessioni sulle violenze che la seconda è costretta a subire, senza riuscire a liberarsene.

Al centro della poesia di Maria del Rosso invece, l’uomo e i sentimenti che lo smuovono, vivificando e fortificando la sua anima. In particolare l’amore, e accanto ad esso il valore dell’amicizia.

E ancora, versi che declamano l’astuzia tecnologica della televisione, marchingegno piuttosto recente, che ha rivoluzionato il nostro modo di vivere facendoci tuttavia pagare il prezzo, secondo Giovanni Di Candia, del seppellimento della realtà . “Il dolore ha trafitto il tempo” è invece il titolo della poesia declamata da Giuseppina de Leo.

Piccoli esempi di una serata ricca di spunti ed emozioni. In piazza delle Erbe è stata raggiunta una simbiosi interessante tra fascino evocativo della poesia e potere ammaliante della musica. I versi e il sound hanno dissetato l’anima dei presenti. Al corpo ci hanno pensato gli organizzatori offrendo acqua o vino per far fronte alla calura estiva.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...